La Storia ai Limiti della Storia del Mondo

Ottenuta l'agognata "approvazione" ufficiale, pubblico la recensione del libro di Ranajit Guha redatta per il corso 'Storici e pratica storiografica' della prof.ssa Porciani (corso integrato con 'Teoria della storiografia' del prof. Maj). La prima parte serve da introduzione per delineare un quadro storico dell'attività di Guha e del collettivo dei Subaltern Studies, mentre nelle conclusioni analizzo la ricezione e l'influenza dell'opera nell'ambito dei più recenti dibattiti storiografici.
114 KB, Portable Document Format (.pdf)
Preview: small, medium, large
Updated by Pinkie Pie is best pony 2011-08-06
 

bene!!lo sto studiano proprio ora questo simpaticone!!:):):):

 
 

e perché non farne una versione per la categoria “recensioni storiografia?”..
;)

 
 

molto volentieri!! come faccio?

 
 

Cerca di sintetizzare la recensione in una pagina/una paginemmezzo, puntando più sul pensiero di Guha che sulla “struttura” dell’opera.. insomma, ipotesi, se nel libro vengono esposte tre idee forti, punta su quelle.
Poi teniamoci buona la versione completa qua su riseup da linkare a fondo recensione (della serie “vuoi approfondire? beccati questa!”) :-)

 
 

Butta un occhio qui: www.casoesse.org/recensioni
trovi le altre recensioni. Ovviamente non che tu debba uniformarti, anche perchè ad una prima leggiucchiata veloce mi sembra un lavoro molto ben fatto.. ma questo potrebbe essere proprio il valore aggiunto..
Magari ne riparliamo in assemblea o quando ci vediamo a voce. Grande Vero!

 
 

Ho letto le recensioni dei miei illustri colleghi. Adesso vedo di togliermi dai piedi l’esame della Malatesta, poi mi dedico a pensare bene come rendere la recensione compatibile con la sezione del sito. Comunque ci ho ridato una letta, e alla fine la parte di recensione “vera” sono un paio di pagine..per adesso ho solo pensato – molto a random – che magari si potrebbe pubblicare sul sito quella parte lì (ridimensionata se ancora troppo lunga) e presentarla dichiaratamente come estratto da un lavoro più ampio..e lì entra in scena la congrega dei nerd che ZAC! piazzano il pallino per accedere al file!

 
 

comunque tutto questo per avere anche io la mini-biografia!! =)

 
 

Esatto, si potrebbe perfettamente fare così :-)

 
 

Ma questa recensione? la rimettiamo in ballo?

 
 

o mi son perso qualcosa?

 
 

Premetto che nonostante conosca pochissimo i sabalternisstadis mi affascinano tantissimo e spero di colmare la mia curiosità prima o poi…

come tesina va più che bene come recensione- come già accennato da parte tua se nn sbaglio- c’è da fare qualche modifica…

da parte mia ti consgilio-ovviamente- di concentrarti sulla vera e propria recensione e se mai dalla prima parte prendere qualche frase qua e la molto esplicativa e sintetica perche a livello di spiegazioni dei concetti non manca molto alla seconda parte!

a livello """stilistico""" la renderai più fluida. mi spiego meglio. spieghi molto bene i concetti però diciamo ci vorrebbe quello stile un po’ più da recensione..qualcosa che strizzi l’occhio…mmm..insomma meno tesi + blog!una volta che vedi la seconda parte come “staccata” dalla prima, secondo me, ti verrà anche più semplice darle il taglio necessario…

in giallo ho evidenziato le parti che riguarderei perche nn scorrono, a prima vista, molto bene

baciii

W il resto da 50centesimi!!!

 
   

No Frey non ti sei perso niente. Questa recensione è in ballo da un po’. Vero aveva detto che ci rimetteva le mani e direi che i consigli di Deborah sono utilissimi per farlo.
Dai Vero, basta vacanze :P

P.S. ma ti sono arrivati i soldi sulla PostePay? Ti avevo scritto anche un sms..